Sale Modal

Condizioni metereologiche esterne e climatizzatore: come raggiungere il comfort ottimale

febbraio 21, 2019

da Ambi Climate

febbraio 21, 2019

da Ambi Climate

Sole, pioggia, caldo, freddo – chi non è confuso quando cambia il tempo? Il problema principale dei condizionatori tradizionali è che permettono solo di impostare la temperatura, ignorando altri fattori cruciali che potrebbero influenzare il nostro benessere. ASHRAE (American Society of Heating, Refrigerating and Air-Conditioning Engineers) individua altri elementi che costituiscono il nostro comfort termico: l’umidità interna, la radiazione termica (luce solare) e la fascia oraria della giornata. Le diverse combinazioni e i livelli di ogni fattore creano un cambiamento nel nostro ambiente e nel modo in cui ci sentiamo. Le condizioni metereologiche esterne, seppur non presenti nella lista stilata da ASHRAE, rappresentano sicuramente una componente importante. È facile trascurarlo perché sembra così banale, ma probabilmente non sai quanto sia fondamentale!

Perché siamo così influenzati dalle condizioni metereologiche esterne?

Nonostante le condizioni metereologiche non facciano ufficialmente parte dei fattori riconosciuti ufficialmente, si osserva che hanno un impatto “medio” più alto rispetto a umidità e temperatura esterne! Gli agenti atmosferici ricoprono un ruolo notevole sia negli edifici naturalmente ventilati sia in quelli climatizzati, influenzando il nostro comportamento, il comfort fisico e, naturalmente, le nostre case o luoghi di lavoro. Determinano quanto siamo attivi, il nostro abbigliamento, le misure per combattere il caldo o il freddo, i cambiamenti fisiologici che il nostro corpo subisce e come utilizziamo il nostro condizionatore o altri metodi per adattarsi a queste condizioni climatiche. Temperature e livelli di umidità diversi – massimi in estate e minimi in inverno – rappresentano una serie di problemi per la nostra abitazione, sia per quanto riguarda la sicurezza, sia per lo spreco energetico. BP_OutdoorWeather_IT_02 Con l’aumento costante del riscaldamento globale, le condizioni metereologiche sono diventate ancora più imprevedibili e inclini a variazioni: le stagioni tendono a confondersi, le temperature estreme sono diventate la norma e spesso lo notiamo anche a causa dell’umidità eccessivamente alta o bassa e della pioggia, grandine e altri fenomeni naturali improvvisi.

Perché condizioni climatiche uguali generano differenti percezioni?

Ambienti diversi sono percepiti in modo differente da ognuno di noi e possiamo comprenderlo meglio se li classifichiamo in due categorie: biologico e circostanziale. Genetica e biologia volgono un ruolo fondamentale. Alcuni di noi sono maggiormente inclini al caldo o al freddo a causa del proprio corredo genetico, forma o composizione del corpo o semplicemente a seconda del proprio sesso. Ad esempio, tipicamente le donne sono più freddolose degli uomini, dato che il loro metabolismo basale è inferiore e la temperatura corporea è più alta. Inoltre, potremmo avere preferenze fisiologiche, abitudini o stili di vita differenti che influenzano il modo in cui percepiamo l’ambiente circostante – l’esperienza di una persona sarà completamente differente rispetto a quella di un’altra! Il luogo in cui siamo cresciuti, il clima a cui siamo abituati, il nostro livello di attività e la nostra sensibilità personale a diversi fattori sono elementi che possono farci sentire caldo mentre altre persone sono a proprio agio o hanno freddo, o mentre qualcun altro sta proprio sudando!  

Cosa possiamo fare per gestire i cambiamenti climatici e sentirci a nostro agio?

Ci sono diversi metodi per gestire o attenuare gli effetti del clima sul nostro corpo e possiamo dividerli in tre categorie: soluzioni naturali, azioni a breve termine e azioni a lungo termine.

Soluzioni naturali

heart rate and sweat In base all’Adaptive Comfort Approach, sappiamo che il corpo umano si adatta ad ambienti diversi grazie a processi fisiologici o naturali differenti, ovvero grazie a meccanismi di regolazione. La temperatura della nostra pelle può cambiare, possiamo acclimatarci a un nuovo ambiente, sudare di più o di meno (evaporazione) e la nostra frequenza cardiaca può adattarsi per regolare la nostra temperatura corporea. In inverno, per esempio, la nostra frequenza cardiaca aumenta per tenerci al caldo!  

Azioni a breve termine

BP_OutdoorWeather-03 Per stare al passo con i cambiamenti climatici possiamo indossare più o meno strati, mangiare o bere alimenti e bevande specifici o attuare piccoli accorgimenti se si sente troppo freddo o caldo. Per esempio, può essere utile regolare le tende e persiane della tua casa: se fa molto caldo, prova a chiuderle per far entrare meno luce e calore nella stanza.

Azioni a lungo termine

air conditioner cold and hot Oltre ai metodi sopraelencati, la tecnologia ci ha fornito diverse soluzioni per diminuire il nostro disagio. L’uso di dispositivi di raffreddamento o di riscaldamento come condizionatori, pompe di calore, caloriferi e ventilatori è ideale per tenere la temperatura del nostro organismo sotto controllo e per adattarci al clima esterno. In questo modo ridurremo la necessità di vestirci con abiti pesanti o fare un bagno ghiacciato se non ci sentiamo a nostro agio! Non c’è da stupirsi se il climatizzatore è considerato una delle invenzioni più importanti del XX secolo…

Come può il nostro condizionatore equilibrare gli effetti climatici sulla nostra casa e comfort?

Sappiamo cosa state pensando: certo che uso il mio condizionatore per sentirmi a mio agio! Cosa c’è di meglio? Ma è davvero così facile come sembra accenderlo e affidarsi per essere sicuri di fare tutto nel modo giusto? Clima, stagioni o persone diverse richiederanno sempre temperature differenti, oltre a un meccanismo costante e ben calcolato che regoli il condizionatore e consideri i cambiamenti climatici e altri fattori variabili. Per ottimizzare il benessere domestico ed equilibrare l’ambiente, solitamente è necessario regolare il climatizzatore durante il giorno. Sfortunatamente, dato che non sappiamo esattamente quali impostazioni utilizzare, le nostre azioni rappresenterebbero più un’ipotesi e non una soluzione infallibile, poiché il nostro climatizzatore tradizionale è limitato nelle funzionalità che può offrire.
Quando cerchiamo di risparmiare energia, di migliorare e di mantenere il comfort, dobbiamo trovare un modo più intelligente per valutare il clima esterno e regolare la nostra aria condizionata, eliminando così ogni fastidio e ottimizzando l’intero processo. Come? Scegliendo un controller intelligente, che può migliorare il condizionatore che hai in casa, dotandolo di funzionalità smart. Diversi dispositivi di questo genere avranno caratteristiche e vantaggi differenti, ma l’ideale sarebbe quello di cercarne uno in grado di imparare ciò che è necessario per il tuo comfort, considerando tutti i fattori: condizioni metereologiche, umidità, luce solare, ora del giorno e, infine, anche la temperatura. In questo modo, il tuo benessere sarà tutelato indipendentemente dalle difficoltà dettate dal meteo.

Perché scegliere un controller intelligente


Collegato

Uno stile di vita smart e personalizzato a portata di mano!

Uno stile di vita smart e personalizzato a portata di mano!

Categorie
FAQ e tutorialFunzioni di AmbiLa vita smart

Pubblicato su

La vita smart

Taggato

AI, airconditioning, Factor Series, outdoor weather, thermal comfort

Leave a Reply